FUNGHI: UNA SCOPERTA PER LA MODA ECOSOSTENIBILE

Screenshot 2016-08-22 17.06.32 copy

abito funghi

FUNGHI: UNA SCOPERTA PER LA MODA ECOSOSTENIBILE

Qualche settimana fa, all’interno della mia rubrica di moda cruelty-free in onda su Radioveg.it, vi ho parlato di un materiale innovativo, simile alla pelle scamosciata ma 100% animalfree, usato per produrre borse, scarpe e cappelli. Si chiama Muskin, nome creato dalla crasi tra le due parole inglesi: “mushroom” (fungo) e “skin” (pelle). Infatti il tessuto in questione viene realizzato in Italia dalla Grado Zero Experience, proprio con la pelle estratta del cappello del fungo. Può essere lavorato esattamente come la pelle animale con la differenza che è totalmente di origine vegetale; è del tutto atossico e può quindi essere impiegato per la realizzazione di prodotti a stretto contatto con la pelle. Altra importante caratteristica di questa pelle vegetale è la capacità di assorbire e poi rilasciare l’umidità, evitando la proliferazione di batteri. Un grande traguardo nella scoperta di nuovi materiali cruelty-free, non trovate? Ma non è tutto. Sempre con i funghi, la stilista tedesca Aniela Hoitink ha sperimentato un nuovo tessuto ecologico con cui ha creato un abito 100% biodegradabile. Unendo i dischi su cui erano stati coltivati i piccoli funghi per circa una settimana e mezza, Aniela ha ottenuto il tessuto per realizzare il suo prototipo. L’assemblamento non ha richiesto alcun intervento di taglio o cucito, evitando così materiali di scarto. La stilista ha studiato una tecnica in grado di rendere morbido ed flessibile il tessuto ottenuto, anche una volta asciutto, rendendo l’abito estremamente comodo da indossare. Essendo realizzato in materiali totalmente biodegradabili e naturali, una volta smesso l’abito diventa compostabile, evitando così di gravare sull’ambiente come normalmente accade con i rifiuti prodotti ogni anno dal mondo della moda. Che dire? Che sia giunta l’era della rivoluzione dei funghi? Dalla cucina all’armadio! Quel che è certo è che d’ora in poi potrebbero trovare una nuova collocazione nel nostro uso quotidiano, ben diversa dal solito risotto… #ingoodwetrust

 

Post by Stefi

Image source: 1. 2. 3. 4.

Salva

Salva

Be first to comment